N.1 di 7 – LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE NEGLI ESORDIENTI

La programmazione annuale negli esordienti è forse, mister, uno dei passaggi più importanti del tuo lavoro.

Per questo ho deciso di dedicarci 7 articoli. Questi andranno ad affrontare in maniera dettagliata tutti i punti necessari ad una programmazione adeguata.

In questo primo articolo ti parlerò della prima fase di una programmazione:

l’analisi

Ad essa, cercherò di darti tutte le informazioni necessarie, e adattare un paio di esercitazioni sul campo che possano aiutarti in questa fase del tuo lavoro.

PROGRAMMAZIONE E’…

“Prima di mettersi in viaggio, bisogna avere ben chiara la mappa della zona che si vuole esplorare, per evitare di sprecare tempo ed energie”.

Ho letto questa citazione molto tempo fa in un libro che straconsiglio, e quando parlo di programmazione la tiro sempre in ballo.

L’analogia con il viaggio è forse la più semplice e diretta, perché immediatamente ti dà la dimensione di cosa si intende per programmazione nel lavoro coi tuoi ragazzi.

Intrapreso un percorso con loro (esperienza calcistica), li devi accompagnare verso una meta (cosa vuoi che imparino).

Il viaggio è uno dei più tortuosi, in cui puoi facilmente perderti, o tornare più volte al punto di partenza, senza arrivare lontano.

Per evitare ciò, hai bisogno di partire ben pronto ed equipaggiato (punto della situazione iniziale), con un chiaro itinerario da seguire (contenuti, obiettivi, interventi sul campo).

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ESORDIENTI
COSA COMPRENDE

Le tappe del tuo percorso possono e devono essere usate in più di un’occasione. Nella realizzazione di un approssimativo programma di lavoro annuale, per capire con chi hai a che fare, e dove puoi arrivare.

Per preparare dei periodi più brevi (esempio primi mesi fino a Natale, o fino all’inizio dei Campionati).

Oppure, anche per preparare le singole sedute di allenamento, come avevamo già avuto modo di vedere in un precedente articolo.

PRINCIPI PER UNA BUONA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ESORDIENTI

Flessibilità. La caratteristica più importante di una programmazione annuale esordienti che si rispetti è la capacità di sapersi adattare e poter essere modificata.

Se troppo lineare, infatti, al primo problema passa in un secondo “dal grandioso al fallimentare”. Potersi adattare alle situazioni, invece, è la chiave per sopravvivere nel tempo a difficoltà, errori, problemi.

Quindi, sii pronto a cambiare in corsa.

Specificità e Unicità. Una programmazione non rivolta ai tuoi giocatori è buona a metà.

Una programmazione copiata e incollata da qualche altra parte, anche da un ambiente di alto livello, potrebbe non funzionare.

Deve essere invece unica, cucita addosso ai tuoi ragazzi.

Complessità. Una programmazione annuale esordienti è efficace se ricca di spunti, metodi, contenuti diversi tra loro.

Anche contrastanti volendo.

Questo permettendo di applicare la giusta soluzione al problema più adeguato al momento giusto.

Curiosità. Per programmare bisogna essere davvero dei curiosoni mister.

Bisogna voler andare oltre gli aspetti più scontati, “ficcando il naso” al di là della semplice tecnica e tattica.

Invece, vanno considerati anche molte altre dimensioni altrettanto determinanti: psicologica, sociale, culturale, ecc.

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ESORDIENTI
LE FASI

Riprendendo le tappe fondamentali della tua preparazione al viaggio, ma questa volta con uno sguardo più vicino al nostro mondo, ecco cosa potrebbe presentarsi:

PROGRAMMAZIONE

L’ANALISI, PRIMA FASE DELLA PROGRAMMAZIONE

Una programmazione che si rispetti parte sempre dall’analisi dell’ambiente nel quale ti troverai a lavorare.

E per ambiente intendo proprio tutti gli elementi che faranno parte della tua esperienza da allenatore.

Sono due le tipologie di analisi che devi fare:
1) analisi dei bisogni, e

2) analisi della situazione.

L’analisi dei bisogni riguarda in buona sostanza l’analisi della categoria con la quale andrai ad operare.

Nel tuo caso, quello degli Esordienti, ti avevo già fornito molti dettagli in uno dei primi articoli. Ecco, tutte quelle informazioni sono quelle di cui hai bisogno.

Quali peculiarità fisiche?
Che tipo di maturazione cognitiva caratterizza quest’età?
Cosa li motiva?
Cosa hanno bisogno?
In che ambiente vivono (urbanizzato, ecc.)

Domande al quale ti dovrai dare delle risposte per strutturare le tue proposte.

Successivamente, devi passare ad un’analisi più specifica, della situazione quindi con la quale ti imbatti.

Le tue riflessioni dovranno riguardare tre dimensioni principali:

1- Giocatori

A che punto sono i giocatori da un punto di vista tecnico e tattico?
Cosa sanno e cosa non sanno fare?
Quali sono le personalità di ognuno di loro: chi è esuberante, pacato, ecc.?
Come si comportano in allenamento?
Cosa pensi siano stati abituati a fare durante gli allenamenti?
Che tipo di impostazione fisica hanno?
Questi solo alcuni esempi, che dovrai arricchire basandoti su altri aspetti della vita dei tuoi ragazzi, come la famiglia, gli interessi, gli atteggiamenti.

2- Contesto

In che tipo di società ti trovi?
Quanti allenamenti concessi?
Che orari?
Com’è il campo, e quanto spazio avrai a disposizione?
Di che tipo di materiale sei a disposizione?
Quindi, tutto quello che riguarda l’ambiente nel quale hai deciso di intraprendere la tua esperienza.

3- Mister

L’ultimo polo riguarda proprio te, mister. Anche tu, infatti, rappresenti un oggetto di riflessione per la tua programmazione.

Dovrai sederti a tavolino e riflettere su te stesso, la tua esperienza, le tue conoscenze.

E anche su quali sono i tuoi punti forti e deboli.

Tutti questi elementi dovranno essere confrontati con gli altri sopra, trovando le relazioni necessarie.

ANGOLO DELLE PROPOSTE

Pensando ad alcune proposte da inserire in questo contesto di “analisi”, eccoti qualche attività e spunto a riguardo.

ESERCITAZIONE 1 – 1v1

  • Numero giocatori: 8+
  • Difficoltà: facile
  • Tempo: 10/15 minuti
  • Obiettivo: analisi 1c1 (offensivo e difensivo)
  • Spazio: 12 x 8
  • Materiale: palloni, conetti

Descrizione: Vari spazi di 12 x 8, con quattro giocatori per ciascuno. Due giocheranno un 1 contro 1 con obiettivo quello condurre il pallone oltre la linea di meta avversaria. Gli altri due, in attesa dietro la linea di fondo, subentrano al termine di ogni situazione.

Progressioni/Varianti: variare posizione di partenza attaccanti (non dritti, ma diagonalmente); inserire porta difesa da portiere per conclusione a rete.

Commento: Una situazione semplice, che però contiene moltissimi spunti per la tua analisi. In questa infatti può cogliere informazioni importante sul livello dei ragazzi. Da qui, quindi, partire a programmare interventi su misura per loro. In fase offensiva guarderai ad esempio la velocità di avvicinamento al difensore, l’uso di finte, cambi di direzione, ecc. In fase difensiva, invece, alcuni esempi possono essere la qualità di avvicinamento al portatore, la posizione del corpo, ecc.

ESERCITAZIONE 2 – 2v1

  • Numero giocatori: 10+
  • Difficoltà: facile/media
  • Tempo: 10/15 minuti
  • Obiettivo: analisi 2c1 (attacco e difesa)
  • Spazio: 30 x 20
  • Materiale: palloni, conetti, porte

Descrizione: Nello spazio indicato, i giocatori sono organizzati come in immagine. Giocata la palla ad uno dei due portieri, i due attaccanti ricevono da quest’ultimo per cercare di segnare dalla parte opposta. Rotazione delle posizioni dopo ogni azione.

Progressioni/Varianti: aggiunta di un secondo difensore (2c2).

Commento: In questo caso l’analisi sarà più rivolta verso aspetti collaborativi (offensivi nel 2c1, e anche difensivi nel 2c2). I giocatori sanno collaborare con/senza palla? Come occupano lo spazio? Qualità dei loro passaggi? Utilizzano sviluppi di gioco (combinazioni, tagli, ecc.)? Li eseguiscono correttamente? Sono veloci nelle loro decisioni? ecc.

 

E’ USCITO IL SUPER SPECIAL REPORT

La programmazione annuale nella categoria di base è forse, mister, uno dei passaggi più importanti del tuo lavoro.
Per questo ho deciso di dedicarci un SUPER SPECIAL REPORT.
Questo andrà ad affrontare in maniera dettagliata tutti i punti necessari ad una programmazione specifica e di successo.

CLICCA QUI E SCOPRI DI PIU’

4 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


16 + 3 =